Cucine Torino - CAPPE


Moderne


Moderne/CAPPA ASPIRANTE 5.jpg
Moderne/CAPPA-ASPIRANTE-1.jpg
Moderne/CAPPA-ASPIRANTE-2.jpg
Moderne/CAPPA-ASPIRANTE-3.jpg
Moderne/CAPPA-ASPIRANTE-4_1.jpg
Moderne/CAPPA-ASPIRANTE-6.jpg
Moderne/CAPPA-ASPIRANTE-7.jpg
Moderne/CAPPA-ASPIRANTE-8.jpg

Rustiche


Rustiche/CAPPA ASPIRANTE RUSTICA.jpg
Rustiche/CAPPA-ASPIRANTE-RUSTICA-2.jpg

Contattaci per soluzioni personalizzate.

Hai raggiunto il limite di caratteri.

Scegli quando vuoi venire da noi:

Scrivi quanto fa 10 + 5

LE CAPPE IN CUCINA: UNA SCELTA RAZIONALE, PRIMA CHE STILISTICA

Sebbene la cappa sia chiamata, nelle Cucine Torino, ad assolvere principalmente una sola funzione, che è quella di aspirare gli odori raccolti attorno al piano cottura, la sua utilità si svela anche in altre piccole incombenze. Come, ad esempio, smaltire il calore in eccesso che si addensa tra i fornelli ed eventuali mobili adiacenti, scongiurando la possibilità che le alte temperature danneggino il materiale dei ripiani o eventuali oggetti lì custoditi.



Leggi di più...

Vi siete mai chiesti com’è fatta una cappa?

Prima di passare ad elencare le differenti cappe che le Cucine Torino mettono a tua disposizione, proviamo a vedere che cosa le renda così efficaci e, indubbiamente, indispensabili.

Il filtro.

Uno degli elementi che genericamente accomuna le tipologie principali di cappa è sicuramente il filtro. Come nel caso di altri elettrodomestici di diversa funzione (aspirapolvere, depuratori, asciugacapelli, etc.) il filtro è una parte delicata che richiede la stessa attenzione con cui gestisci la manutenzione dell’intera cucina.

Soprattutto se hai deciso di dotare la tua cappa di filtro antigrasso, ricorda di controllarlo regolarmente e di cambiarlo ad intervalli di tre mesi. Mentre se hai applicato un filtro antiodore non dimenticare che i carboni attivi che lo costituiscono non possono essere puliti, e devono quindi essere sostituiti interamente ad intervalli di tempo regolari.

La composizione del filtro nelle Cucine Torino può essere:

  • metallica, a nido d’ape (da sostituire sistematicamente)
  • sintetica (lavabile in lavastoviglie)

Le tipologie di filtro messe a disposizione dalle marche di cui ci avvaliamo sono principalmente due:

  • a carboni, che richiedono la manutenzione periodica
  • metallici, che possono essere trattati e puliti con detergenti dedicati

Un filtro saturo è un filtro che impedisce alla cappa delle Cucine Torino di fare il proprio dovere: in quel caso è possibile che gli odori permangano all’interno della stanza senza riuscire ad essere smaltiti. Così come il calore emesso dalle fiamme dei fornelli, la cui efficacia sarebbe diminuita se dovessero risentire dell’incostante passaggio d’aria di una cappa non conforme.

Dobbiamo attenzione: talvolta, perché questo elettrodomestico dia l’impressione di non funzionare correttamente, è sufficiente che la canna di condotta dell’aria sia stata montata male, o con un’angolatura che non permetta a quanto raccolto dalle ventole di raggiungere l’aria aperta. Se dovessi trovarti in una situazione del genere in una delle nostre Cucine Torino, prova a fare questo piccolo esperimento: prendi un foglio di carta velina e accostalo lentamente alla griglia di aspirazione. Se viene risucchiato e si appiccica al ventilatore elettrico significa che i filtri sono puliti, ed il problema risiede quasi immediatamente nel tubo di conduzione.

La cappa aspirante e la cappa filtrante.

  1. Quando parliamo di cappa aspirante facciamo riferimento, probabilmente, al modello di cappa più venduto e più ricercato: quello che raccoglie gli odori attraverso un ventilatore elettrico e, tramite l’apposita conduttura, li porta all’esterno. Con una velocità di ventola regolabile, e solitamente dotati di luce indipendente, questi elettrodomestici sono la soluzione ideale per conservare una stanza fresca e accogliente in qualsiasi momento del giorno.
  2. La cappa filtrante, secondo un principio che potrebbe sembrare quasi opposto a quello della cappa aspirante, assorbe gli odori delle Cucine Torino, li incanala attraverso un filtro interno dedicato e li immette nuovamente nella stanza, depurati. Diversamente dalla precedente, poi, richiede velocità di ventola più ridotte, dovendo concedere ai filtri il tempo materiale di purificare tutto ciò che hanno precedentemente raccolto.

In tempi più moderni rispetto alle prime applicazioni della cappa, è stato introdotto nelle Cucine Torino un altro sistema: quello convertibile, che permette il passaggio semplice e comodo da una versione all’altra. Senza altre incombenze che un pulsante di attivazione, puoi comodamente decidere se convogliare all’esterno gli odori raccolti dalla tua cappa o purificare l’aria che ne è pregna e rimetterla in circolazione nella stanza.

Tipologie di cappa nelle Cucine Torino.

Sfogliando i nostri cataloghi troverai principalmente tre varianti di cappa:

  • ad incasso o a semi-incasso: quando il ventilatore elettrico ed il tubo di conduzione dell’aria scompaiono completamente (o solo in parte) all’interno del mobile che sovrasta il piano cottura. E’ sicuramente una soluzione cui ricorrere nelle Cucine Torino qualora la cappa non fosse, per te, un elemento di arredo quanto piuttosto un semplice elettrodomestico a cui assegnare la propria posizione nel sistema modulare della cucina;
  • a braccio: potresti averla vista spesso nei locali, oppure in quelle strutture dotate di un servizio mensa; si tratta di una variante di cappa sorretta da un braccio mobile (appunto) che la mantiene sospesa sopra il piano cottura e sopperisce alla mancanza di armadi in cui possa essere incassata;

Cappe e stile: ad ognuno il suo.

Fra le possibilità che le Cucine Torino mettono a tua disposizione c’è anche quella di scegliere tra cappe moderne (in colore nero, inox, smaltata di bianco o di colori differenti), cappe rustiche (con una bordatura di legno alla base di una copertura in perfetto stile campagnolo), e cappe in vetro temprato.
Sebbene le loro rispettive funzioni siano le medesime, la possibilità di personalizzazione ti consente di adottare quella più adeguata alle esigenze estetiche e strutturali dell’ambiente in cui sarà inserita, facendone, a tua discrezione, un semplice elettrodomestico o un valido complemento d’arredo.

Alcuni semplici accorgimenti.

Prima di tutto, ricorda che è un elettrodomestico. Non un animaletto da compagnia. Necessita quindi di attenzione e di piccole premure come ad esempio:

  • un’installazione ad un’altezza di sessanta centimetri (almeno) dal piano cottura (fino ad un massimo di novanta centimetri) e che lo ricopra completamente;
  • un controllo delle tempistiche adottate in cucina: ricorda di tenere la cappa accesa mentre sei ai fornelli, e di non spegnerla se non dopo cinque/dieci minuti da quando hai finito;
  • per le tue Cucine Torino scegli, se ne hai la possibilità, una cappa con una buona portata (ovvero con un buon volume d’aria aspirato): più è potente, coerentemente con la quantità di tempo che trascorri quotidianamente ai fornelli, più è silenziosa e più è duratura.