Cucine Torino - MENSOLE E SCHIENALI

mens1.jpeg
mens2.jpeg

Contattaci per soluzioni personalizzate.

Hai raggiunto il limite di caratteri.

Scegli quando vuoi venire da noi:

Scrivi quanto fa 9 + 4

Mensole, schienali e boiserie: come sceglierli.

Ora che avete scelto il modello della cucina, ante e maniglie, siete quasi arrivati al termine del vostro progetto. Procedere all’acquisto di una delle Cucine Torino e decidere se ricorrere a mensole, pensili o boiserie e persino ad una equilibrata combinazione di tutte e tre le soluzioni, non è esclusivamente un problema di colori e di materiali e la personalizzazione richiederà un po’ di attento studio e di tempo.

Una volta che i principali punti estetici sono stati decisi si passa a definire funzionalità e particolari. Gli aspetti su cui ci si deve soffermare sono quelli di funzionalità e spazio.



Leggi di più...

Cucine Torino: tutti i vantaggi delle mensole.

Questo è il dubbio che può sorgere nel valutare l’applicazione delle mensole: è conveniente inserirle, magari sostituendole ad un pensile? Ovviamente dipende da quanto è grande la cucina e se abbiamo già inserito nel progetto un numero sufficiente di elementi chiusi che possono contenere tutte le nostre stoviglie e quanto ci può essere in una cucina.

Pensili.

I pensili hanno l’indubbio vantaggio di mantenere intatta la naturale e continua eleganza della cucina, oltre a contribuire alla sua riuscita attraverso le tinte e gli accessori di cui vengono dotati. Inoltre, come anticipavamo nella sezione dedicata alle ante, un pensile chiuso può essere largamente d’aiuto qualora necessitassi di nascondere elementi alla vista od anche solo di chiudere il disordine dietro un’anta e dimenticarlo lì!
Se avete già visionato nel nostro sito la sezione sugli accessori delle Cucine Torino, sapete che disporre di ante libere significa disporre di spazi da valorizzare ulteriormente, magari con l’applicazione di ganci e cesti in filo cromato.

Lo svantaggio principale nell’adottare un pensile sta sicuramente nell’ingombro che comporta, soprattutto se la scelta delle ante non sia stata determinata da un’analisi consapevole dello spazio circostante, quanto piuttosto da un mero slancio estetico. Commettere un errore di valutazione nello scegliere armadi e aperture è la cosa più semplice del mondo. Per questo motivo il consiglio è: venire da noi in negozio e ricevere aiuto da un consulente esperto.

Mensole.

Le mensole, al contrario dei pensili, non offrono alcuna discrezione attorno a quel che compone la tua cucina e alla tua eventuale predisposizione al disordine. Anche per questo sono sicuramente comode quando si presenta la necessità di prendere e posare oggetti senza perdere tempo ad aprire e chiudere ante, le mensole sono lì, pronte a offrire il loro innegabile aiuto.

Sono elementi che non richiedono spazi particolarmente ampi e perciò sono utilizzati per creare particolari disegni e interrompere la continuità di una serie di ante. Nelle Cucine Torino, se lo spazio lo permette, consigliamo l’inserimento di qualche mensola che funzioni da elegante complemento d’arredo. Possono adattarsi a zone relativamente anguste o portare una vena di allegria ed eleganza sulle pareti, con la certezza di costituire comunque una boccata d’aria frizzante per la gestione di tutto quel che non ha trovato alloggio nei cassetti o negli armadi forniti in progettazione.

Diversamente dai pensili, poi, richiedono una manutenzione ridotta che può essere svolta in maniera certamente veloce.

I pannelli ed il colori.

Nelle Cucine Torino, come hai potuto vedere esaminandole singolarmente, abbiamo due differenti tipologie di pannelli, con possibilità di personalizzazione:

  1. Pannelli di legno nobilitato e resine melaminiche, dello spessore di quaranta millimetri. Possono essere prodotti in fantasia “essenza” (con venature che rispecchiano i legni di olmo natura, rovere crudo, rovere mielato, white larix, quercia e rovere sbiancato), in fantasia “spatolato” (lava, bronzo, perla, pelle) od in fantasia “opaco plus” (tortora, bianco, nero, ardesia, grigio chiaro, canapa).
  2. Pannelli in MDF (fibra a media densità) di trentotto millimetri, personalizzabile in fantasia “laccato plus”.

Boiserie, dalla tradizione alle Cucine Torino.

Come suggerisce il termine deliziosamente ricercato, il culto della boiserie trova la sua massima espressione intorno al diciassettesimo e al diciottesimo secolo in Francia. In quel periodo la boiserie svolgeva la funzione di ornamento e contemplava l’uso di pannelli di legno decorati o intarsiati a copertura delle pareti della reggia, ed eventualmente la valorizzazione degli stessi con quadri ed elementi di prestigio (dipinti, bassorilievi, eccetera).

I pannelli ed i colori.

Anche in questo caso disponiamo di una vasta gamma di elementi per la personalizzazione delle Cucine Torino. Ne prendiamo in esame alcuni.

Il pannello che costituisce la boiserie è in legno nobilitato e rivestimento di resine melaminiche, con uno spessore di diciotto millimetri.
I colori a disposizione sono:

  • fantasia “essenza” (con venature che rispecchiano i legni di olmo natura, rovere crudo, rovere mielato, white larix, quercia e rovere sbiancato),
  • fantasia “spatolato” (lava, bronzo, perla, pelle),
  • fantasia “colorato” (marsala, senape, grigio cenere, salvia, visone, origano).

Cucine Torino: continuità e design tra boiserie ed elementi a giorno.

Vogliamo scrivere qui alcuni consigli per valorizzare l’inserimento della boiserie nella cucina. Questi suggerimenti sono pensati per sfruttare al massimo il potenziale di ripiani per rendere l’ambiente in cui vivete più funzionale e restando gradevole alla vista:

  • alterna, sugli scaffali, elementi tipici della cucina con elementi estrapolati dagli ambienti circostanti, per ottenere un effetto di soffusa continuità fra stanze differenti;
  • prova ad esporre accessori coordinati, come tazzine e bicchieri, per conferire alle mensole un aspetto ricercato e la bellezza distaccata di una vetrina espositiva;
  • non fermarti al classico pannello corredato di un paio di ripiani: sbizzarrisciti, lascia correre la fantasia e prova ad applicare la boiserie a zone differenti della cucina, magari con differenti stili, per trovare la soluzione più adatta al design che la circonda.

Ricorda che, nel caso della boiserie, la personalizzazione non si può e non si deve limitare alla semplice scelta cromatica: così come accadeva nei salotti nobiliari, tutto il pannello, incluso i ripiani, può concorrere a impreziosire la parete cui è annesso. In definitiva, l’uso di boiserie può rendere una cucina unica e speciale.