Cucine Torino - MISCELATORI

Miscelatore inox canna alta.jpg
miscelatore canna alta bianco.jpg
miscelatore canna bassa avena.jpg
miscelatore con doccetta avena.jpg
miscelatore da parete.PNG
miscelatore doccetta inox.PNG
miscelatore inox canna bassa.jpg

Contattaci per soluzioni personalizzate.

Hai raggiunto il limite di caratteri.

Scegli quando vuoi venire da noi:

Scrivi quanto fa 8 + 9

MISCELATORI E RUBINETTI: UNA STORIA CHE CONTINUA



Leggi di più...

I miscelatori professionali delle Cucine Torino.

Volendo cercare di inserire il miscelatore nella storia lo troveremmo probabilmente nelle vicinanze degli anni settanta, quando si fece il primo tentativo di sfruttare quel che allora si sapeva della miscelazione per modernizzare, e possibilmente rendere più comodo e funzionale, il tradizionale rubinetto.

Non sbaglia, quindi, chi vuole vedere nei miscelatori delle Cucine Torino una pratica evoluzione del rubinetto, sebbene inizialmente la sostituzione non fosse applicabile dovunque.

Prendiamo, infatti, quei modelli che ogni tanto ancora emergono dalle pagine più rustiche: una manopola per l’acqua calda, una distinta per quella fredda, e un tubo con il compito di erogare l’una o l’altra attingendo a due differenti uscite.
In un caso come questo applicare un miscelatore potrebbe essere impossibile: per poter mescolare e selezionare l’acqua da offrire, al miscelatore serve un foro di uscita unico. La sua prerogativa è esattamente quella di essere in grado di raccogliere l’acqua da quella singola apertura e fornirla nel modo e nella gradazione che preferiamo.

Miscelatori da bagno e da cucina: diversi eppure uguali

Potrebbe sembrare banale, ma i due differenti tipi di miscelatore (per quanto condividano lo stesso scopo e utilità) hanno preso, negli anni, strade sempre più distanti.

Mentre quelli da bagno hanno conosciuto un cambiamento più lento, caratterizzato da pochi reali sbalzi nella struttura fisica del rubinetto, quelli da cucina sono stati trascinati nella concezione sempre più contemporanea di un ambiente in cui ogni cosa, fino al più piccolo dettaglio, debba essere in armonia con l’insieme.
Questo ci ha portato alla necessità di ricercare, per le Cucine Torino, elementi che si accordassero a tutte quelle innovazioni che hanno fatto delle cucine attuali degli esempi di funzionalità e di concezione moderna degli spazi e delle esigenze.

Per questo motivo siamo in grado di offrirti miscelatori all’avanguardia, caratterizzati da materiali di pregio, linee eleganti e preziosi particolari che ne fanno elementi indispensabili per la riuscita stessa della tua cucina.

Se volessimo, potremmo racchiudere i cambiamenti principali in due categorie:

  1. I tubi, che con la crescente necessità di un lavello al passo con i tempi hanno assunto forme e dimensioni nuove, talvolta particolarmente creative; sempre, comunque, orientate a permetterti di sfruttare al meglio il miscelatore e la tipologia del lavello su cui è stato impiantato;
  2. Il regolatore del flusso, che ci permette di selezionare l’acqua calda o fredda, così come pure la sua quantità, con un semplice gesto della mano: dimentica senza remore i tempi in cui dovevi esercitare una sapiente collaborazione tra due manopole differenti per riuscire ad erogare l’acqua nella temperatura a te più adatta!

Quel che rimane invariato è l’accorgimento di cui devi tenere conto nel momento in cui hai bisogno di acqua calda dal tuo miscelatore delle Cucine Torino: la pressione, e di conseguenza il getto che fuoriesce, è fondamentale per innescare l’avvio della caldaia e il conseguente innalzamento della temperatura.
La comodità in questo caso sta nel fatto che, una volta determinato quale sia il punto di rotazione della manopola che corrisponde al calore di cui hai bisogno, non devi fare altro che aprire o chiudere l’acqua, senza esercitare alcuna ulteriore rotazione. In questo modo non dovrai perdere tempo a cercare nuovamente la gradazione giusta.

Cucine Torino: come scegliere il miscelatore giusto?

Anche in questo caso lasciarti guidare prettamente da uno slancio emotivo dettato da esigenze a livello estetico, potrebbe rivelarsi controproducente.

Le cartucce.

Prima di tutto presta attenzione alle cartucce interne, che nelle cucine proposte dal mercato possono essere genericamente:

  • in plastica
  • in ceramica

Sebbene il rivestimento di plastica sia economicamente più gestibile, cerca sempre di affidarti alla cartuccia in ceramica che caratterizza le Cucine Torino. Ha un costo più elevato ma assicura una maggiore qualità al prodotto, una resistenza garantita e una minore dispersione del calore durante l’erogazione di acqua calda. Prenderti cura delle guarnizioni che la proteggono internamente non farà che prolungare ulteriormente la sua efficienza.

I tubi.

Gli elementi che, per la loro posizione, sono necessariamente più influenzati dalla generale tendenza a innovare e modernizzare sono probabilmente i tubi. Nei miscelatori delle Cucine Torino possiamo trovarli nelle varianti:

  • corti e lunghi
  • rigidi e flessibili
  • fissi oppure estraibili
  • magnetici

Il miscelatore a sostegno magnetico permette che una parte della doccetta sia separata dalla sua base di appoggio grazie ad un supporto magnetico cui può essere comodamente agganciata una volta esaurito il suo scopo. In questo caso la linea tradizionale del rubinetto non è altro che una piacevole illusione, immediatamente smentita dalle infinite possibilità concesse da un tubo mobile e flessibile.

Nelle varianti estraibili presentiamo doccette mobili, caratterizzate da un tubo, appunto, dislocabile dalla sua sede: questo consente una maggior accuratezza nella gestione e nell’orientamento del flusso d’acqua, che sarà convogliato precisamente dove ne abbiamo la necessità. Alcune canne consentono, nelle Cucine Torino, una rotazione totale pari a trecentosessanta gradi, per raggiungere agevolmente qualsiasi bersaglio.

I materiali.

Il materiale sicuramente più richiesto per i miscelatori delle Cucine Torino è l’acciaio inox, già elogiato in precedenza per le sue indubbie qualità di versatilità, di resistenza (al tempo, alle cause di deterioramento, etc.) e di raffinatezza. Anche il cromato lucido sfoggia una crescente ricercatezza, sebbene le cause si possano ricercare più nell’esigenza di un elemento dall’indubbio gusto estetico che nella reale conquista di funzionalità concreta e razionale.

I lavelli delle Cucine Torino possono armonizzarsi facilmente al resto dell’arredamento grazie ad infinite occasioni di rivestimento: come nel caso della deliziosa copertura color avena dei modelli Franke, che conferisce al miscelatore un eccentrico tocco di tradizione sapientemente amalgamato a linee eleganti e moderne.